Prende il via il Galileo Festival dell’Innovazione, che si terrà a Padova dal 11 al 13 Maggio 2017. Ormai alla sua quinta edizione, il Festival ospiterà i grandi protagonisti della ricerca applicata, dell’impresa, del trasferimento tecnologico e dell’innovazione. L’evento è promosso dall’Università di Padova e da VeneziePost, diretto da Massimo Sideri, innovator editor del Corriere della Sera. Sarà presente anche il Villaggio dell’Innovazione, area in cui sarà presentata la ricerca applicata, realizzata dall’Università padovana.

I focus tematici trattati saranno: imprenditoria, start up e business incubator, fintech e bio hi-Tech, proprietà intellettuale e open innovation, cyber security, innovative education, scienze dei materiali, robotica, scienze farmaceutiche e ingegneria biomedica, meccatronica e industry 4.0.

L’ingegneria biomedica al festival Galileo 2017

Galileo Festival dell’Innovazione 2016

Ecco qui una serie di eventi importanti, sul tema dell’ingegneria biomedica, che noi di Close-up Engineering abbiamo ritenuto importanti da segnalarvi.

Future health: la rivoluzione delle scienze della vita
11 maggio ore 15:00 – 16:15 Aula Magna, Palazzo del Bo, Via VIII Febbraio 2 – Padova

Intervengono Silvio Aime, prorettore per la Ricerca e il trasferimento tecnologico, Università di Torino, e presidente 2I3T, società consortile per l’incubazione di impresa; Eugenio Aringhieri, amministratore delegato Gruppo Dompé e presidente Gruppo Biotecnologie Farmindustria; Gabriele Grecchi, medtech entrepreneur, co-fondatore e amministratore delegato Silk Biomaterials, autore di Future health (Egea).
Conduce Nicla Panciera, giornalista e scrittrice di scienza e salute, collabora con La Stampa.

Intervista con il robot
11 maggio ore 15:00 – 16:15 Aula Magna, Palazzo del Bo, Via VIII Febbraio 2 – Padova

Massimo Sideri, innovation editor Corriere della Sera, direttore Galileo Festival dell’Innovazione intervista Giorgio Metta, vicedirettore IIT-Istituto Italiano di Tecnologia, R1, robot.

R1, il robot umanoide progettato dall’Istituto Italiano di Tecnologia.
Credit: www.robotiko.it

R1 è il robot umanoide progettato dall’Istituto Italiano di Tecnologia. Pesa 50 chili ed è alto 1 metro e 25 centimetri, ma può allungarsi di altri 20 cm; così come le sue braccia, in grado di estendersi fino a 13 centimetri massimo, così da raggiungere e afferrare oggetti più lontani. R1 è stato pensato come robot in grado di fornire un aiuto concreto nell’ambiente domestico e lavorativo, ma anche in ospedali, case di cura, case famiglia e case di riposo per anziani.

La medicina incontra la robotica

12 maggio ore 10:00 – 11:15 Sala Convegni, Cassa di Risparmio del Veneto, Via VIII Febbraio, 22 – Padova, 35121 Italia

Intervengono Ercole Bonini, fondatore Studio Bonini, società che offre servizi per la protezione e la valorizzazione delle opere dell’ingegno; Gianantonio Pozzato, fondatore e presidente Telea Electronic Engineering, azienda che opera nella ricerca, progettazione, produzione e vendita di dispositivi elettromedicali; Aldo Rossi, docente di Meccatronica e Robotica, Università di Padova.
Coordina Nicla Panciera, giornalista e scrittrice di scienza e salute, collabora con La Stampa.

Noi di Close-up Engineering ci saremo e racconteremo a voi questa esperienza.

Stay tuned!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here